#ValledelChiese2019: conosciamo il mister dei portieri Paese e il difensore Calabrese. Domani ultimo giorno... contro il Milan

08/Agosto/2019 - 17:30



Roncone (Trento) - Manca ormai poco al ritorno della Primavera gialloblù a Verona, con il ritiro di #ValledelChiese2019 che giungerà domani al termine: ultimo impegno l'amichevole contro il Milan sul campo di Storo (Trento) alle ore 17. Un test che arriva dopo due settimane di intenso lavoro e altre due partite vinte, le settimane di carico e fatica proseguiranno però anche nei prossimi giorni, per portare a termine una intensa preparazione atletica in vista della stagione 2019/20. 

Fra i tanti che si sono allenati duramente ci sono anche i portieri della Primavera dell'Hellas, con una preparazione leggermente differente rispetto ai loro compagni di squadra. Il loro allenatore Fabrizio Paese ha raccontato dei primi giorni di questa stagione per gli estremi difensori gialloblù ai microfono di Hellas Verona Channel, così come ha fatto anche il difensore, l'anno scorso in Under 17, Bernardo Calabrese.

 

FABRIZIO PAESE

 

«Questo è il momento in cui si prepara la base per tutto l'anno, si cercano i concetti generali e poi quelli più sofisticati per migliorare il rendimento. È un lavoro di preparazione, come dice la parola stessa, in cui però i portieri arrivano già ad ottenere una buona condizione tecnica, tattica e fisica. I portieri a disposizione? Si sono presentati bene, molto impegnati e determinati. Noi cerchiamo di raggiungere sempre i livelli ottimali, che permettano a loro una crescita professionale e fisica, senza trascurare il rendimento immediato. Come è far crescere questi giovani? Io ho la pelle gialloblù, da tifoso a giocatore e allenatore. Quando fisso degli obiettivi ai ragazzi durante gli allenamenti all'Antistadio dioco loro che devono arrivare a giocare al Bentegodi».

 

BERNARDO CALABRESE

 

«Di nuovo con Corrent? Sono felice di essere passato dall'Under 17 alla Primavera con lui, mi sono sempre trovato bene ed è un percorso che continua. La fatica? È il giusto per rimettersi in forma e fare il campionato al meglio. Così potremo essere una buona squadra e fare risultati per raggiungere l'obiettivo. Obiettivi? Il mio personale è quello di dimostrare di poter avere una maglia da titolare, ma prima di tutto viene quello di squadra. Il periodo di preparazione per prevenire gli infortuni? È importante per evitare infortuni fastidiosi che possono tenerti lontano dal campo per lunghi periodi, meglio farsi trovare sempre pronti. Il gruppo? Li conoscevo quasi tutti, mi trovo alla grande».

I contenuti sono liberamente riproducibili, salvo l’obbligo di citare la fonte hellasverona.it